News Mercati finanziari prudenti. Sono stanchi di aspettare Trump

Mercati finanziari prudenti. Sono stanchi di aspettare Trump
Scritto da helly   

Il momento per i mercati finanziari è molto delicato. Specialmente per quelli azionari. Dopo aver vissuto il giorno peggiore degli ultimi sei mesi (martedì), i mercati non sono riusciti ancora a rialzarsi e sono alla ricerca di nuovi equilibri che possano stimolare un ritorno al rischio. Al momento invece, prevale in assoluto la prudenza, come testimonia il tuffo che molti trader hanno fatto nei beni rifugio (come lo yen, si parla di correlazioni trading, effetto catena).

Cosa accade sui mercati finanziari ?

Il "colpevole" di questo status è senza dubbio Trump, che finora non ha fornito dettagli esaurienti riguardo alle sue politiche, specialmente circa la riforma fiscale. Il mercato aveva prezzato un forte aumento dello stimolo fiscale, ma è stanco di attendere e non si accontenta più solo delle promesse di Trump. La conseguenza è una brusca correzione tecnica, chiaramente visibile nello S&P 500, che ieri è scivolato ieri dell’1%. Ricordiamo che dal giorno dell'elezione di Trump era salito di 12 punti percentuali.

Un altro fattore che incide è la prospettiva dovish della Federal Reserve. L'istituto centrale americano dopo aver alzato i tassi ha però spaventato gli investitori con un atteggiamento molto più prudente riguardo le future mosse di politica monetaria. Questo ha spinto molti investitori a prendere i benefici. Anche per questo si guarda con molta attenzione a ciò che dirà la presidente FED Janet Yellen questo giovedì. Una retorica più hawkish da parte sua, potrebbe ridare sprint ai mercati.

Al momento, dal punto di vista delle valute il dollaro è penalizzato. I migliori broker forex trading evidenziano che l'euro oscilla sulla soglia di 1,08 sul dollaro, e in generale il biglietto verde continua a indebolirsi nei confronti delle principali valute (soprattutto sterlina e yen). Proprio la sterlina è stata favorita dal dato sull’inflazione di febbraio, ottimo e soprattutto superiore alle attese. Lo YEN invece vola grazie al suo status di valuta rifugio, raggiungendo i massimi da novembre contro il dollaro.

da: UniversoForex

 


Partners