In questa sezione puoi richiedere l'accesso a Mercatoglobale per poter pubblicare i tuoi Comunicati Stampa.

La loro pubblicazione sarà soggetta a preventivo controllo da parte di Mercatoglobale.

Registrati per poter pubblicare i tuoi Comunicati Stampa



Leggi attentamente il regolamento prima di cominciare a inserire i comunicati.


Comunicati Comunicati Stampa Associazione Italiana Editori: Federico Motta eletto Presidente nel 2015

Associazione Italiana Editori: Federico Motta eletto Presidente nel 2015
Scritto da articolinews   

Federico Motta (Federico Motta Editore): nominato nel 2015 alla guida di Aie

In queste settimane ricorrono i tre anni dalla nomina di Federico Motta (Federico Motta Editore ) a capo dell'Aie, acronimo di Associazione Italiana Editori, riferimento di categoria a livello nazionale degli editori che pubblicano libri, riviste scientifiche ed e-book e aderente alla Confindustria. Era infatti settembre del 2015 quando Motta tornava con una nota diffusa al pubblico, ai vertici di Aie: all'epoca 60enne, aveva già ricoperto quel ruolo per ben 12 anni tra il 1997 e il 2009, per poi divenire dal 2008 al 2010 figura apicale della Federazione degli Editori Europei e dal 2007 al 2009 Presidente di Confindustria Cultura Italia.

In un'intervista pubblicata su YouTube Federico Motta, fresco di nomina, pur riconoscendo la complessità della gestione di un mondo come quello dell'editoria nostrana, tuttavia aveva già molto ben chiari quelli che sarebbero stati gli obiettivi della sua presidenza. Un elemento sicuramente fondamentale di quello che sarebbe poi stato il suo programma era quello della tutela del diritto d'autore, poiché nella sua visione una qualsiasi sfida al copyright era percepita come una minaccia diretta alla produzione culturale da parte del mondo dell'editoria.

In seconda battuta, richiamava l'associazione di categoria a essere compatta sul fronte europeo e a sostenere le politiche dell'allora Ministro della Cultura e del Turismo Dario Franceschini nei confronti proprio dell'Europa. Motta infatti riconosceva agli editori da lui presieduti un ruolo culturale decisivo, in quanto portatori di istanze quali una sensibilizzazione sulla promozione della lettura e sul miglioramento dei contenuti scolastici, subordinando quindi il mero interesse economico a quello sociale.

 


Partners