Internet e new media no image

Published on Settembre 24th, 2007 | by Redazione MG News

0

Con Zooppa la pubblicità la fanno gli utenti e vengono pure pagati

Agenzie di pubblicità e case di produzione video tremate! Sta arrivando Zooppa!

Dopo aver sconvolto e rovesciato come calzini molti settori manifatturieri e legati ai servizi, Internet si appresta a cambiare le regole del gioco anche nel mondo della creatività, ed in particolar modo nel mondo della comunicazione visiva.

Sull’onda di fenomeni di grande successo che si sono imposti in breve tempo sul web come Youtube oppure Flickr, fenomeni che vanno sotto il nome di User generated content, ovvero contenuti generati dagli utenti, sta emergendo in questi mesi una nuova realtà: ovvero campagne pubblicitarie, in particolare video ma anche storyboard, concept, visual, realizzate da utenti del web, gente “normale”, non professionisti, accomunati dalla vena creativa e dalla voglia di essere protagonisti, finalmente, della pubblicità dei prodotti che consumano.

 Questa realtà si sostanzia con il progetto Zooppa nato dall’incubatore H-Farm creato da Riccardo Donadon, già fondatore di E-tree. Nata a marzo di quest’anno Zooppa sta raccogliendo un successo assolutamente spontaneo (l’iniziativa non è stata pubblicizzata ma si è diffusa in modo “virale”): circa 10.000 utenti registrati, 10 campagne lanciate, oltre 600 video già caricati nella community.

Il modello di funzionamento di Zooppa è semplice: sulla base di un briefing fornito dall’azienda interessata a far partire una campagna, viene lanciato il concorso presso gli utenti che, entro una certa data, devono realizzare lo spot pubblicitario. Questo viene votato dagli utenti stessi della community ed i primi in classifica, a fine periodo, vincono un premio (in denaro) che viene monetizzato da Zooppa dopo il raggiungimento di un certo ammontare.

 Si tratta di un operazione molto produttiva per l’azienda committente che a dei costi realmente irrisori (nell’ordine dei 15.000 euro) riesce ad ottenere una media di 60-70 video per campagna, alcuni dei quali di eccellente livello creativo. Non solo, ma grazie al coinvolgimento della community, ciascun video è accompagnato dai commenti degli utenti che interpretano a modo loro il messaggio, fornendo all’azienda una mole consistente di percezioni relativamente al prodotto e marca.

Che Zooppa sia un fenomeno destinato a fare rumore nel mondo della comunicazione e non solo è dimostrato dal fatto che diverse agenzia media si stanno interessando alle produzioni video della community; potrebbero loro in un prossimo futuro diventare le committenti della campagne di Zooppa per i loro clienti ? Potrebbe essere. Invece di strapagare un direttore creativo o un regista per realizzare costosissimi (e spesso inefficaci) spot, potrebbero attingere alla creatività spontanea degli utenti che, con la loro semplicità ed immediatezza, sono probabilmente meglio in grado di parlare ai destinatari della campagna pubblicitaria (che sono poi sempre loro, le loro famiglie, i loro amici, i loro colleghi di lavoro, ecc).

Articoli collegati

H-Farm,la fattoria della conoscenza

Aziende e social Network


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑