Ditelavostra no image

Published on Luglio 31st, 2006 | by Riceviamo e volentieri pubblichiamo

0

La rincorsa italiana all’innovazione

Gli indicatori dell’innovazione tecnologica – quali gli investimenti per la Ricerca e Sviluppo(R&S) in termini di quota del PIL, il numero di brevetti, il numero di ricercatori, la quota di[…] Gli indicatori dell’innovazione tecnologica – quali gli investimenti per la Ricerca e Sviluppo(R&S) in termini di quota del PIL, il numero di brevetti, il numero di ricercatori, la quota di investimenti – applicati alle imprese italiane mostrano che l’Italia ha accumulato un grande ritardo nella corsa verso l’innovazione. Ciò è dovuto a diversi fattori, innanzitutto al divario esistente tra il mondo della ricerca e quello industriale, in quanto le relazioni tra questi due universi sono ancora ad un livello embrionale. Tale situazione è dovuta al fatto che non ci sono attualmente delle imprese “science oriented o science based”, vale a dire delle imprese di dimensioni tali da assimilare il patrimonio della conoscenza che scaturisce dalla ricerca di base scientifica italiana – che, in alcuni settori, è condotta all’insegna dell’eccellenza – per convertirlo in nuovi prodotti. Tutto ciò costituisce un freno potente alla cultura dell’innovazione in Italia. A questo si aggiungono gli scarsi investimenti in ricerca. Tra i Paesi industrialmente avanzati dell’OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico), l’Italia occupa posizioni di coda non solo in termini di intensità di Ricerca & Sviluppo, ma anche in termini di tasso medio di crescita della R&S.
Ma per un’azienda innovare sul mercato non è facile. Prima di lanciarsi nella corsa all’innovazione è opportuno sapere, infatti, che il tempo necessario allo sviluppo di un prodotto assolutamente nuovo, partendo dall’idea di base per giungere fino all’immissione nel mercato, è orientativamente di 4 anni. Un tempo che può dimezzarsi nel caso in cui si apportino dei miglioramenti rilevanti a prodotti già esistenti e può ridursi ulteriormente se si effettuano migliorie di normale entità.
Con la diffusione dei mezzi messi a disposizione dalle tecnologie informatiche, quali le metodologie di produzione CAD (Computer Aided Design) e di fabbricazione CAM e FMS (Computer Aided Manutacturing e Flexible Manufacturing Systems), tale tempo è destinato a ridursi del 30% secondo le stime recenti di Abbie Griffin, stima presente in uno studio condotto su un centinaio di imprese impegnate nello sviluppo di prodotti innovativi.

Redazione SPAZIO IMPRESA




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑