I protagonisti raccontano no image

Published on Settembre 24th, 2010 | by Intervista a Guido Mantovani

0

Il CEG , imparare la cultura orientale per vincere nel business

Il CEG (Centro Cultura ed economia Globalizzazione con sede a Treviso) è un raro esempio di come si possa collegare in maniera fattiva il mondo accademico con la società e – in particolare – il mondo delle imprese. E’ un centro dove confluiscono filoni di studio diversi (come quelli linguistici, economici e giuridici) finalizzati a preparare studenti che si possano inserire con successo sia presso le aziende del Nord est  che fanno affari con l’estero, sia presso enti e società straniere. Soprattutto in paesi asiatici emergenti quali Cina, India, ecc. Abbiamo intervistato il direttore del CEG, il prof. Guido Mantovani.

D) Mi può descrivere sinteticamente i principali filoni di attività del CEG, in particolare nei confronti del mondo delle imprese ?
R) Si tratta di un centro interdipartimentale e inter-facoltà (economia e lingue  straniere). Noi ci occupiamo sia degli aspetti economici legati alla globalizzazione  sia quelli legati alla cultura e società. Ad esempio saper usare il linguaggio corretto  ma anche tenere un comportamento in linea con costumi e valori di società molto  diverse dalla nostra come (ad esempio Cina, India, Giappone, ecc. Il corso di laurea  più noto è quello in commercio internazionale. Sono 350 gli stage all’estero da  quando è nato il CEG.
 L’85% degli laureati – il 91% nella specialistica –  trova lavoro entro l’anno contro  una media nazionale del 75%.
 Il CEG si caratterizza per il fatto che possono aderire soggetti non accedemici, in  particolare associazioni di categoria, banche locali come il credito cooperativo,  associazioni no-profit, (oltre Fondazione Cassamarca che è socio sostenitore.
 Da quest’anno il CEG attiva alta formazione con un Master in economia della  sanità, sostenuto dall’ULS 9 e un corso di security management.
 Uno dei filoni di attività è quello legato ai rapporti con il territorio, stabilito per  statuto. Noi siamo in grado di effettuare per le imprese studi di fattibilità relativi a  mercati internazionali, prospettando opportunità di mercato e costruendo scenari  possibili di posizionamento dell’impresa. Senza però entrare nelle scelte specifiche  quali la realizzazione di una sede, la scelta del partner in loco, la contrattualistica  specifica. Queste fanno parte di un’attività consulenziale che noi non possiamo  svolgere.

D) Mi può fare qualche esempio concreto di attività/iniziativa fatta che ha avuto particolare successo ?
R) La collaborazione tra Harvard e Ca’ Foscari.- attiva da 5 anni . Metà studenti italiani  e metà di Harvard si trovano d’estate a Venezia. Sostengono esami riconosciuti sia  a Harvard che a Ca’ Foscari. I docenti sono sia americani che italiani. Le richieste  da parte di studenti americani sono passate da 70 x 60 posti a 160 sempre per 60  posti. Da quest’anno Confindustria Vicenza si è resa disponibile ad ospitare  presso le aziende studenti italiani ed americani per mini-stage. I corsi sono  interdisciplinari: si studia economia, lingue, diritto.

D) Mi parla invece di una o più nuove iniziative che il CEG sta lanciando (o lancerà nel prox futuro) nei confronti del mondo delle aziende ?
R) Da 1 anno a questa parte il CEG ha intensificato fortemente le attività nei  confronti degli stakeholders, come Unindustria, Confartigianato che ha premiato  alcune nostre tesi di laurea fatte studiando casi aziendali concreti. Oltre al premio  questi  laureati hanno già trovato collocazione nelle aziende.
Organizziamo convegni rivolti al mondo delle imprese dove facciamo parlare esperti internazionali come il caso del Convegno sull’India con la partecipazione di un senior economist dell’OCSE (Andrea Goldstein) e del console indiano in Italia.
Tra le varie iniziative vogliamo presentare una applicazione informatica di grande interesse sviluppata  in partnership dai nostri tecnici e da società del territorio.
Abbiamo avuto dalla Regione Veneto 2 assegni di studio per costruire 2 strumenti molto interessanti per il mondo delle imprese: un Osservatorio permanente sulla internazionalizzazione delle imprese con Unindustria TV e CCIAA; l’altro è l’osservatorio permanente su rapporto banca-impresa.

www.unive.it/ceg


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑