Comunicati Stampa no image

Published on Giugno 20th, 2022 | by Luca Serri

0

Gli investimenti di Serenissima Ristorazione in Sud Italia

Serenissima Ristorazione ha allargato le sue attività al Sud Italia nel 2016 e oggi è presente in Basilicata, Campania, Puglia e Sicilia, regioni in cui distribuisce annualmente circa 8 milioni di pasti: una crescita costante nel tempo.

Serenissima Ristorazione è arrivata nel Sud Italia nel 2016, alzando il livello di innovazione e qualità delle pietanze servite negli ospedali locali: attualmente è attiva in Basilicata, Campania, Puglia e Sicilia, regioni in cui garantisce circa 8 milioni di pasti ogni anno, equivalenti a circa 22mila al giorno ripartiti fra colazioni, pranzi e cene.

Si tratta di una crescita esponenziale se paragonata agli inizi, quando il Gruppo guidato da Mario Putin si aggiudicava i primi appalti nella ristorazione sanitaria in Sicilia e in quella socio-sanitaria in Campania, inaugurando la sua filiale Sud ad Avellino. Nel 2014 era invece stato esposto il piano industriale con le basi per l’espansione strategica in tutta Italia, insieme agli studi dei bisogni del territorio.

Oggi, oltre ai comparti sanitario ospedaliero e socio-sanitario, rifornisce capillarmente le regioni Basilicata e Campania anche per quanto concerne la ristorazione scolastica. A queste forniture, che costituiscono aspetti essenziali del core business dell’azienda, si sommano in Puglia e Sicilia anche la ristorazione aziendale e commerciale presso i bar e le mense. Per assicurare la qualità e la sicurezza alimentare, Serenissima Ristorazione ha inaugurato uno stabilimento di produzione dei pasti nell’Azienda Ospedaliera Antonio Cardarelli di Napoli, il più grande nosocomio in Campania e in tutto il Sud Italia. Qui ha implementato l’innovativa metodologia Cook&Chill, che garantisce un significativo apporto nutrizionale e organolettico delle pietanze azzerando il pericolo di contaminazione da microbi: tale tecnologia è stata in seguito estesa all’intera ASL Na1 Centro.

 

Tags:


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑