Comunicati Stampa Serenissima Ristorazione

Published on Febbraio 24th, 2021 | by Luca Serri

0

Serenissima Ristorazione presenta la Linea Disfagia

Serenissima Ristorazione ha nella Linea Disfagia un esempio di personalizzazione dell’offerta concepita per utenti affetti da questa patologia, resa possibile grazie al lavoro del suo team di dietisti, nutrizionisti e cuochi.

La Linea Disfagia è un esempio del costante miglioramento di Serenissima Ristorazione nell’ottica di incontrare le esigenze sempre più specifiche espresse dai clienti.
Ideata dal team di dietisti, nutrizionisti e cuochi del Gruppo, la Linea si caratterizza per la personalizzazione dell’offerta dedicata alla cura della patologia omonima e comprende prodotti cotti, omogeneizzati e prontamente refrigerati.

Nello studio sulla composizione e sulle caratteristiche nutrizionali condotto dal team dello stabilimento di Boara Pisani (PD), emerge che i prodotti della Linea Disfagia nella loro totalità garantiscono un pasto omogeneo e bilanciato. Il metodo innovativo di Serenissima Ristorazione, concepito per la Linea Disfagia, consente di contenere la perdita delle vitamine, tipica del processo di frullatura, e di mantenere i colori naturali degli alimenti oggetto di omogeneizzazione.

La parola disfagia si riferisce alla difficoltà nel transito di cibo solido e/o liquido dalla bocca allo stomaco ed è caratteristica di un italiano su cinque sopra i 50 anni, con un trend in aumento con il passare dell’età. La causa è la presenza simultanea di più patologie, che influiscono negativamente sul fisiologico organismo di controllo e coordinazione del processo di deglutizione. L’obiettivo principale del lavoro è il ripristino e il mantenimento di uno stato nutrizionale sufficiente. Il soggetto colpito da disfagia è un facile target di stanchezza sistemica e assume solo piccole quantità di cibo: è per questo motivo che diventa fondamentale proporre una dieta godibile dal punto di vista della composizione chimica degli alimenti.

 

Tags: ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑