Ultime News

Published on Aprile 14th, 2022 | by Redazione MG News

0

Salva il MONDO Salva la TERRA concluso con successo il primo corso

Si è svolto alla Biblioteca di Montebelluna il primo corso del progetto Salva il Mondo Salva la Terra per la formazione e l’inserimento lavorativo di ragazzi con disturbo dello spettro autistico e con sindrome di Asperger sul recupero e il riuso di PC e tablet.

4 ragazzi delle scuole superiori hanno avuto modo di imparare come è fatto un computer, come si monta e si smonta. Quali parti sono riciclabili e quali no. Come si può riprodurre un prodotto o un componente con la stampante 3D, come si utilizzano in maniera proficua i social network e tanto altro.

Il tutto con un approccio molto pratico, particolarmente apprezzato dai ragazzi. Che sono stati seguiti passo passo dai docenti, dai tutor e con il costante supporto dei genitori.
“È stato proprio il lavoro in team la chiave di volta del successo del corso – afferma Andrea Masciulli coordinatore per Informatici Senza Frontiere del progetto – Il lavoro di coordinamento è stato molto stimolante e facilitato fin dal primo momento dalla collaborazione di enti, associazioni e genitori”.

Lo spirito del corso è quello di insegnare ai ragazzi a come rendere nuovamente utilizzabili vecchi pc attraverso la tecnica del “ricondizionamento” per donarli a chi ne ha bisogno. Inoltre l’obiettivo finale è quello di favorire l’inserimento lavorativo dei ragazzi presso enti, aziende e strutture del territorio attraverso un tirocinio.

Il progetto, finanziato da Unicredit, è coordinato da Informatici Senza Frontiere che gestisce la parte relativa al recupero e riuso dell’ hardware. Il Gruppo Asperger Veneto e Sportello Autismo Treviso curano la selezione dei ragazzi e – assieme HOLOS IS srl con competenze nella gestione della disabilità intellettiva.Contarina spa e Ambimente, associazione ambientalista, curano i moduli specifici del corso.
Volontarinsieme OdV e CGIL sono rete di supporto per l’individuazione di famiglie bisognose a cui destinare il materiale informatico recuperato.


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑